ko tao

Ko Tao: l’isola delle tartarughe!

ko tao

La mia isola thai preferita in assoluto! Come poteva non essere lei? Ko Tao = l’isola della tartarughe, è il paradiso delle immersioni e dello snorkeling! Armatevi di maschera e boccaglio o, se avete un po’ di tempo, è sicuramente l’occasione giusta per studiare un po’ e ottenere un brevetto per lo scuba diving! Ormai, organizzano corsi per le immersioni in tutte le località in cui è possibile farle ma, vi assicuro che, in Asia, i prezzi per i corsi sono tra i più competitivi! Noi non avremmo avuto tempo per immergerci nello studio (volevamo vedere troppi posti nel giro di 30 giorni, non ci sarebbe stato anche il tempo per il brevetto da scuba diving!)

In quest’isola, abbiamo alloggiato in un piccolo alberghetto in riva all’oceano, per capirci: dal balcone (se non fossimo stati al terzo piano) si poteva saltare in spiaggia! Ovviamente, essendo un posto famoso per le immersioni, l’acqua sfoggiava tutte le varie gradazioni possibili dei verdi, degli azzurri e dei blu…uno spettacolo per gli occhi!

Ko Tao è un isola molto piccola, microscopica , rispetto a Ko Samui e Ko Phangan! Questa volta, volevamo cambiare, ci serviva una ventata di novità, e perciò, il primi mezzi che abbiamo noleggiato, sono state due mountain bike! Ok, bellissimo ma, ragazzi, andare in giro per le strade di Ko Tao è come camminare su delle montagne russe!!!!!

Io con la bici sono una frana! Fatemi camminare per salite, discese, scalini, deserti dei tartari e tapis roulant all’infinito, ma mettetemi in sella ad una bici di fronte ad una salita e finirò ko in men che non si dica! Va da se che dopo una biciclettata sotto il sole cocente(un po’ a piedi e un po’ in bici, per me) ci siamo ritrovati in posti con viste panoramiche da urlo!

La costa di Ko Tao, Thailandia
La costa di Ko Tao, Thailandia
Le strade, Ko Tao, Thailandia
Le strade, Ko Tao, Thailandia

Le strade a Ko Tao, sono in gran parte sterrate, per questo eravamo un po’ restii nel noleggiare il nostro mezzo preferito : lo scooter;per paura di rischiare di far danni al motorino e ritrovarsi a pagare per ipotetiche riparazioni ecc. ecc. Alla fine, però, siamo caduti in tentazione, non abbiamo più resistito, e siamo tornati al nostro mezzo di trasporto del cuore!eheheh! Anche qui ci siamo messi ad esplorare l’isola in lungo e in largo (essendo molto piccola è anche stato  più facile e veloce) e, in questo caso, ci siamo divertiti ad esplorarla, soprattutto a piedi! C’è un sentiero che permette di fare una bellissima coastal walk (camminata costiera) e, per chi è un amante delle camminate come me, è senza dubbio da non perdere!

Spiagge di Ko Tao, Thailandia
Spiagge di Ko Tao, Thailandia
Spiagge di Ko Tao, Thailandia
Spiagge di Ko Tao, Thailandia

In alcune delle spiaggette in cui ci siamo ritrovati durante l’esplorazione, si trovano dei piccoli rifugi sulla spiaggia, dove bere un succo di frutta fresco o mangiare qualcosa, in altre ,invece, non c’era l’ombra di un turista e in una siamo finiti addirittura nel mezzo di un lussuoso resort! Ce n’è proprio per tutti i gusti!

Spiagge di Ko Tao, Thailandia
Spiagge di Ko Tao, Thailandia
Spiagge di Ko Tao, Thailandia
Spiagge di Ko Tao, Thailandia
Classica punta delle imbarcazioni Thai, Ko Tao, Thailandia
Classica punta delle imbarcazioni Thai, Ko Tao, Thailandia

Nelle foto qua sopra, proprio in corrispondenza della punta della barca, noterete un promontorio, una roccia; ecco, si tratta della Buddha Rock! La roccia che assomiglia ad un Buddha seduto in riva al mare, come se fosse lì per proteggere l’isola, un guardiano silenzioso! Per la gente del posto, non è solo una roccia, ma un simbolo carico di spiritualità!

Parlando di oceano, invece, inutile dirvi che il mondo marino, qua è meraviglioso! Meglio se visitato più a fondo con le bombole d’ossigeno, ma anche per chi , come me, ama muoversi liberamente in acqua, solo con maschera e boccaglio, c’è sempre qualcosa da vedere! Anche le tartarughe ovviamente (che un tempo erano solite deporre le loro uova, proprio sulle spiagge di Ko Tao).

Piedi e pesci! Ko Tao,Thailandia
Piedi e pesci! Ko Tao,Thailandia
Granchietti, Ko Tao, Thailandia
Granchietti, Ko Tao, Thailandia
Molluschi che fanno le linguacce! Ko Tao, Thailandia
Molluschi che fanno le linguacce! Ko Tao, Thailandia

Se vi avanza tempo dopo camminate e immersioni, sarebbe consigliato andare nella vicina Ko Nangyuan : un isola, anzi in realtà, due isolotti collegati da una striscia di spiaggia! Noi ce la siamo goduti da lontano, durante le nostre camminate per Ko Tao e già così è stato magnifico! Un panorama da cartolina!

58864_10201069414916794_1948781469_n
Ko Nangyuan vista da Ko Tao, Thailandia
 Ko Nangyuan vista da Ko Tao, Thailandia
Ko Nangyuan vista da Ko Tao, Thailandia

Cosa dirvi di più??? Io l’ho adorata! Sicuramente, il mio posto preferito per quello che ho visto sino ad ora della Thailandia! Spiagge da rivista, tanto snorkeling, passeggiate e bella gente! Cosa si può volere più di così?

Una roccia a misura d'uomo! Ko Tao, Thailandia
Letto con vista mare!Ko Tao, Thailandia

 

 

4 pensieri su “Ko Tao: l’isola delle tartarughe!

    1. Diciamo che, grazie alla sensibilizzazione verso il mondo animale, che c’è stata in questi ultimi anni, so che stanno facendo in modo (tutelando le coste e con il sostegno dei pescatori)che, le tartarughe, ricomincino a vedere le spiagge di Ko Tao di nuovo come un loro porto sicuro, dove deporre le uova…ma il numero di esemplari che approdano in quest’isola, è diminuito precipitosamente, come al solito, anche a causa del nostro poco rispetto per ciò che ci circonda! Fortunatamente c’è chi si rende conto dei danni combinati e decide di riparare il più possibile!

  1. Spero che la Thai abbia cominciato a lavorare sul rispetto degli animali. Gli episodi di turismo insostenibile sono purtroppo troppi in questo paese. Bene che comincino a fare il primo passo, mi fa piacere 🙂

    1. Spero che le cose procedano per il verso giusto..purtroppo in questi posti c è ancora molta ignoranza sul tema ambiente-natura-animali…tutto è ancora molto vincolato dal denaro…nel senso che le scelte e le azioni sono ancora determinate dal ricavo che se ne tira fuori..ma forse stanno iniziando a capire che la risora piu grande che hanno è proprio quel paesaggio e quella Wildlife che hanno trascurato per molto tempo… perciò magari qualche passo in avanti riusciranno a farlo,anche se fosse per il fine di mantenere il turismo ,l importante è che inizino un percorso di tutela e recupero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *