Il palazzo del vento

Da Mumbai a Jaipur: la metropoli e la città rosa!

E’ passato un po’ di tempo dall’ultima volta che ho scritto; dunque, cosa è successo?

Abbiamo preso un bus notturno da Chapora a Mumbai

Il bus notturno

Tutto molto bene, se non fosse che siamo rimasti addormentati sul bus e ci siamo svegliati molto tempo dopo la nostra fermata in centro. Non si erano accorti che eravamo rimasti sul bus, perciò ci siamo svegliati al deposito: proprio dentro a Dharavi!

Non sapete cos’è Dharavi? Bene, ve lo spiego io! Dharavi è una delle baraccopoli/slum più grande del mondo e LA PIù GRANDE DELL’ASIA!

Dharavi copre un’ area consistente di Mumbai, se pensate che il 60% della popolazione di questa città vive nella baraccopoli. Infatti, c’è un giro d’affari non indifferente qua dentro. Ecco perché non c’è niente di male nel passeggiare per le sue strade, a patto che non si facciano fotografie! Noi ci siamo finiti per caso, anche perché questo tipo di ambiente non è nuovo per noi che abbiamo viaggiato molto in Asia e, a dirla tutta, non è proprio UNA FESTA andare in giro per queste strade. So cosa c’è, ne ho preso coscienza, perciò ora cerco di evitare; è come il circo…non è una cosa piacevole per me da vedere, so che esiste, so com’è, ma non vado a vederlo!

Traffico aMumbai collage

Detto ciò, Mumbai per me vince il premio: CITTà MENO VIVIBILE DEL MONDO! AHAHAH! Ora forse ho esagerato! 😉 Però, effettivamente, ho trovato un sacco di lati negativi! Lo ammetto, non sono una grande fan delle metropoli, ma di molte me ne sono innamorata ( Singapore, Parigi, Perth, Kathmandu…) questa, però, è governata dal caos! Non parlo neanche del caos che ti arriva tipo” pugno nello stomaco” di Bangkok, o del caos estremo di Kathmandu che finisce per essere esilarante; parlo di un caos privo di attrattive. Una città grandissima con punti di interesse dislocati a distanze assurde, senza un vero e proprio luogo definibile “centro”. Spostarsi in taxi, il primo giorno,è risultato costosetto ma, grazie al cielo, il secondo giorno ci siamo organizzati col treno! La linea cittadina funziona piuttosto bene, ma le distanze sono comunque esagerate. Il traffico come potete vedere dalle foto è chiaramente un problema, che non ha vie d’uscita.

In ogni caso non ci siamo abbattuti e siamo andati a vedere cosa c’era di buono in giro:

ff

Questa super porta: “Gateway of India” è stata eratta nel 1911 per celebrare la visita del re (Giorgio V) ed è rimasto un punto di incontro per i cittadini di Mumbai. Giusto davanti a lui si trova il TAJ MAHAL PALACE.

taj palace

Questo non è solo un hotel, ma un punto di riferimento, un simbolo della città; ci credete che è il secondo monumento più fotografato in India??? Questo è quello che dice la guida… chissà… viene considerato importante anche dal punto di vista sociale visto che fu il primo hotel ad assumere, come parte del suo staff, anche le donne e il primo della città ad avere l’elettricità! Io non è che vi consiglio di passare da Mumbai, ma se ci finite dentro, come noi, allora un passo in questo posto non potrà farvi male! 😉

Le varie facce di Mumbai

Come ciliegina sulla torta, vi dico anche che siamo finiti in un Hotel (nella norma) ma dove non volevamo andare! Mi spiego meglio: arrivati in città, dopo aver perso la fermata del bus, abbiamo cercato un taxi che ci portasse all’albergo prenotato il giorno prima online (con cancellazione gratuita e con pagamento all’arrivo). Vi giuro che NESSUNO sapeva dove fosse questo hotel e chi lo sapeva, alla fine, ha fatto di tutto per non portarci a destinazione! Così, per farvela breve, siamo finiti in un posto carino, ma completamente fuori dalla zona in cui volevamo stare.

Un piccolo lato positivo? -Sono riuscita a scovare un posto dove mangiare che era: VEGANO,ORGANICO E GLUTEN FREE! Vi lascio immaginare i prezzi! 😉 ahahah! In ogni caso per me ne è valsa la pena: i soldi  per il buon cibo sono sempre soldi ben spesi!Si chiama “The village shop” e si trova nel quartiere di Bandra 😉

Ecco dove siamo oggi:

Per le strade di Jaipur
Per le strade di Jaipur

Siamo letteralmente scappati da Mumbai con un treno notte che, con 500 rupie (7 euro circa) e 17 ore di viaggio, ci ha portato fino a Jaipur: la capitale del Rjasthan!

Il posto e decisamente mooolto caratteristico; praticamente la città vecchia, detta anche: CITTà ROSA, offre un mercato diverso in ogni strada! C’è il mercato dove puoi trovare la frutta e la verdure, la strada dove vendono i fiori per le offerte religiose, la strada dedicata ai vestiti tipici delle donne hindu…e per finire: pietre e gioielli ovunque! Diciamo che la cosa per cui è più famosa Jaipur è proprio questo commercio di pietre preziose; ecco perché i procacciatori di affari si trovano DIETRO OGNI ANGOLO! 😉 Alle volte sono un po’ insistenti, ma non oltrepassano mai il limite, almeno per quella che è la mia soglia di tolleranza, poi ogni persona ha la sua! 😉 Essendo un posto dove si punta a vendere: occhio a quello che dite ad alta voce! Molti indiani del posto parlano un ottimo italiano visto che viaggiano molto per lavoro! Quindi, per evitare figure barbine, state attenti a non fare troppo gli splendidi! eheheh!

Oltre a camminare per il caos dei mercati ci sono anche un po’ di punti interessanti da visitare! Ormai chi mi segue, o conosce, lo sa: io vado SOLO dove mi interessa andare…perciò, vi dico subito che in questo “City Palace” (di cui non ho nemmeno una foto, OPS!) non mi ci è proprio passato di striscio per il cervello di entrarci! L’ho visto da fuori e mi è bastato,per me non valeva il tempo e il denaro! (ovviamente tutto dipende dal gusto personale e dalle passioni del singolo!)

Il palazzo del vento: HAWA LMAHA invece, PER ME è DA NON PERDERE!

Il palazzo del vento

 

Il palazzo del vento dettagliPensate che, in realtà, non è nemmeno un palazzo, o meglio: c’è solo la facciata! Sono dei lunghi corridoi con tutte queste finestre, che venivano usate dalle cortigiane per osservare quello che succedeva fuori ella città! (processioni religiose, o semplicemente la quotidianità della strada!) Credo che il motivo per cui viene chiamata CITTà ROSA sia abbastanza chiaro vero? Ovviamente è il colore degli edifici: TUTTI ROSA, che le ha fatto conquistare questo soprannome! Pensate che in Rajasthan ci sono diverse città colorate e noi proveremo a vederle tutte:

  • Jaipur- LA CITTà ROSA
  • Jaisalmer- LA CITTà DORATA
  • Jodhpur- LA CITTà BLU

porte jaipur

Ci sono ancora piccole parti di Jaipur che non abbiamo visto, ma ogni giorno si scopre qualcosa di nuovo! Si fa fatica a stare dietro a tutto, a tenere il passo! C’è persino un osservatorio per “misurare i cieli” che è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO! Deve essere qualcosa di curioso, non trovate?

Siamo qui da 2 giorni e abbiamo comunque girato come trottole fin dall’inizio, ieri per esempio siamo andati a visitare l’ AMBER FORT!

Amber Fort, Rajasthan
Amber Fort, Rajasthan

amber fort da fuori

Ovviamente, come al nostro solito, ci siamo arrivati intorno alle 13:00. Siamo vicino al deserto qui, quindi potete immaginare l’arsura che c’era a quell’ora! In ogni caso, tra un selfie con gruppi di indiani e uno con le famiglie locali, siamo riusciti a goderci questo castello di roccia bruciata dal sole!

scorci di amber fort

 

scimmie e capraCamminando lungo il sentiero di pietra, non si incontrano tanti turisti occidentali, più che altro è un posto pieno di turisti indiani: famiglie, gruppi di amici ecc… in più, noi ci siamo andati giusto di domenica, perciò non eravamo proprio i soli a camminare per il Fort! 😉

E poi ci sono loro: le mie amate scimmiette!

scena scimmie

Sono stata troppo fortunata, (con la fotocamera del telefono) a riuscire a catturare questo momento PERFETTO!Sapete cosa stava succedendo? Queste due scimmie si stavano avidamente mangiando i fiori lasciati in offerta su questo piccolo altare! Mentre le guardavo mi tornava in mente la canzone di Concato: “ma che domenica bestiale, è la domenica con teeee, OGNI TANTO MANGIO UN FIORE,lo confondo col tuo amore….ecc.ecc.”

Volevo catturare il momento della scorpacciata, ma ecco che in un attimo succede IL DELIRIO! Arriva lui, IL GENIO che, per mandarle via, cerca di spaventarle sbattendo una canna di bamboo sul muretto su cui sono appollaiate! Le scimmie, prese alla sprovvista, schizzano via quasi avessero le molle sotto i piedi e, in tutto ciò: buttano in terra una ciotola con cenere e altre cianfrusaglie che si trovava sull’altare, lanciano via i fiori (ormai tutti mangiucchiati) fanno cadere un bambino e scappano sulle mura del fort! Insomma, IL GENIO ha avuto proprio una bella idea! Applausi per lui e per la sua mossa vincente!ahahah!

Se ve lo state chiedendo: io ve lo dico; se non ve lo stavate chiedendo, ormai lo scrivo lo stesso ;-)! Qua a Jaipur stiamo dormendo in un ostello, in camera doppia, si chiama: Backpacker Panda Stephels. E’ una catena di ostelli presente anche in altri posti qua in India e, siccome è un posto dalle vibrazioni positive, pulito, economico e colorato vi lascio pure il link: https://www.backpackerpanda.com/ !

Vi anticipo che la prossima tappa sarà Pushkar: una delle città più antiche dell’India e dal valore spirituale alle stelle! Al momento, a quasi un mese di distanza dalla fine del nostro visto indiano, stiamo anche valutando le prossime mosse; chi ci segue sa che non siamo in vacanza, ma cerchiamo di portare avanti uno stile di vita itinerante, perciò c’è da pensare: a dove andare dopo, al lavoro, ai biglietti aerei…

Manca un mese abbondante, ma le cose importanti vanno pensate con cura; poi ovviamente bisogna avere il coraggio di saltare nel buio a volte, ma buio o no, stiamo cercando di prepararci le torce o almeno le candele per vedere e seguire la strada giusta! 😉

A presto amici… con nuove avventure e TANTE NOVITA’! 😉

Progetto senza titolo

10 pensieri su “Da Mumbai a Jaipur: la metropoli e la città rosa!

  1. Guarda che mi sono collegata a Facebook e sto trascurando la stesura del nuovo post, solo per leggere le vostre avventure indiane! Sappilo, ahahahahahah!
    Allora tu spiegami questa cosa del non svegliarsi durante il viaggio notturno in bus! Mi stai facendo preoccupare, Serena, perché noi in Thailandia ne abbiamo due di viaggi notturni by bus…ed in entrambi i casi è necessario svegliarci nel posto giusto! (Poi sulla cosa del pungo nello stomaco di certe metropoli, Bangkok, ne parleremo un’altra volta: PAURA!).
    Dopo il premio al miglior genio dell’anno e l’essersi abituati ad una metropoli urlante, devo dire che il resto è stato molto bello! Amber Fort mi ha subito conquistata (e tranquilli, conosco altri due viaggiatori che hanno la vostra stessa sensibilità nel raggiungere le mete nel momento peggiore della giornata 🙁 ) con la sua atmosfera e le SCIMMIE!!! Ma anche la città rosa…dai è notevole!
    Quindi voi applicherete davvero l’idea del tour tra le “città colorate”? Perché io vi seguo e voglio sapere tutto!!!!
    Bacioni!
    Claudia B.

    1. claudia! GRAZIE! mi fai emozionare! <3 allora: per il discorso autobus, non penso sia una cosa comune, non ci era mai successo! di solito all'ultima fermata del bus sveglio o dormiente ti sbattono fuori! qua non si sono accorti che eravamo sopra, non so come, ed è andata così...ma credimi SIAMO NOI CHE C'ABBIAMO LA SFIGA DENTRO!AHAHAH!stai più che tranquilla che ti andrà tutto bene! le città colorate, vorremmo proprio farle tutte..il problema è jasailmer quella d'oro...mi sta mettendo in difficoltà. Una delle attrattive principali sarebbe il safari nel deserto col cammello...e a me sta roba del cammello...per il mio modo di pensare non è che mi fa impazzire...quindi stiamo valutando.Per Bangkok,è un pugno nello stomaco:PREPARATI! ma quando e se riesci a non combattere contro tutto quello che ti gira intorno e inizi a scivolarci dentro facendoti trasportare...vedrai che ci troverai il suo fascino unico;ci vuole un po' per apprezzarlo e non tutti lo vedono, ma c'è qualcosa in quel formicaio impazzito che alla fine ha un senso!sono contenta che non siamo i soli a decidere sempre di fare le camminate più lunghe della storia sotto il sole di mezzogiorno!ahahah!siamo in buona compagnia allora! L'amber fort è suggestivo, sembra un enorme castello di sabbia! le scimmie, poi, stanno diventando uno dei miei animali preferiti!ah,dimenticavo!!! di solito, in treno o in bus, se vediamo che ci addormentiamo o comunque se sono notturni mettiamo sempre una sveglia un oretta prima dell'orario d'arrivo previsto...ecco, sta volta eravamo talmente rilassati che abbiamo abbassato la guardia e non l'abbiamo messa! era un segno per ricordarci di non sentirci mai sicuri di niente??? chi lo sa, ma da oggi non me la scordo più! 😉 grazie mille per il tuo tempo! sei adorabile! un abbraccio indiano! <3

  2. Hahahahah!!! il Genioooo…il geniooooo!!! Ne conosco parecchi di geni così…arroganti che si credono furbi! Va beh…
    Mi sono innamorata di Amber Fort e sono convinta che nonostante siano davvero delle belle foto, non gli rendano giustizia! Non vedo l’ora di continuare a leggere le vostre avventure ed attendo con curiosità le altre città “colorate”! Ma soprattutto non vedo l’ora di scoprire i vostri progetti ♥

    1. hai detto bene, le foto non rendono giustizia anche perché le faccio col telefono quindi più di tanto non riesco a fare! i mezzi scarseggiano…mi organizzerò meglio per la prossima meta! IL GENIO…anche qua ce ne sono a pacchi di questi personaggioni! oggi mi sono ritrovata a urlare dietro ad un figliolo che lanciava i sassi ad un cane che si stava ampiamente facendo gli affari suoi! (posso stare zitta su tutto, ma sta roba no!) in ogni caso le scimmie non sono come i cani e se ne sbattono proprio degli uomini: ci aggirano! 😉 la città blu è sicuramente in programma! sulla città dorata…dobbiamo rifletterci perché credo che implichi un safari in cammello…e non ne sono proprio d’accordo… ti aggiorno! <3 grazie Lucy!

  3. Ah L’India!!! Mi hai riportato indietro in questo paese cosi’ unico e sconvolgente. L’India e’ come un forte pugno nello stomaco, impossibile rimanere impassibile. Buon viaggio e continua a condividere le tue avventure… se sei a Jaipur e passi davanti alla sezione dei sari al mercato, per favore comprami tutto!! Metri e metri e metri delle loro stoffe stupende!!!

    1. lascia perdere!!!!vorrei comprare ogni cosa! dai sari, ai colori, alle spezie, alle pietre…è un posto che mette a dura prova il mio controllo! grazie al cielo ho uno zaino da 40 litri, perciò se prendo qualcosa ne devo abbandonare un’altra! così sono riuscita a regolarmi! 😉 grazie per essere passata di qua!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *