FB_IMG_1493544748960

Bodhgaya e Delhi: le ultime tappe di questa India!Nuovi orizzonti…

Come al solito non sono una campionessa in puntualità, ma spezzo una lancia a mio favore, dicendovi che sono stati giorni di viaggio: aerei, treni, tuk-tuk, bus e metro…

Vi avevo lasciato a Varanasi e alle sponde del Gange e in questo momento vi sto scrivendo esattamente da Bondi Beach a Sydney, in Australia.

Bondi Beach, Sydney,Australia
Bondi Beach, Sydney,Australia

FB_IMG_1493544714296

 

Come ci siamo arrivati??? (in aereo ovviamente 😉 )O meglio, come siamo arrivati a prendere questa decisione??? Un passo alla volte vi spiegherò tutto, ma oggi sono qui per parlarvi delle nostre ultime due tappe indiane: Bodhgaya e Nuova Delhi.

Siamo andati a Bodhgaya per caso, mi spiego meglio: non ci si arriva per caso (VE LO ASSICURO) da Varanasi ci vogliono circa 7 ore! Perché andarci?

Ve lo spiego subito! A Bodhgaya sembra di entrare in un mondo a parte, è India, ma ha perso moltissime caratteristiche indiane, è un concentrato di templi buddisti e monaci thai o tibetani che camminano per le strade!

Se decidete di andare in treno, vi avverto che dovrete scendere a Gaya e poi farvi portare da un tuk-tuk (massimo 250 rupie se è onesto!) sino a Bodhgaya! In realtà, è un posto molto tranquillo e il tipo di turismo, non è il solito che si trova in negli altri posti, si tratta più di pellegrinaggio!

Bodhgaya, India
Bodhgaya, India

Vengono qui da tutti i paesi di religione buddista, perché questo è un luogo molto importante per loro, uno dei posti più importanti per i pellegrini buddisti: dovrebbero visitarlo almeno una volta nella vita. Sapete perché?

Perché è esattamente il posto in cui il Buddha si ILLUMINò per la prima volta! Quando per la prima volta riuscì a raggiungere la luce del tutto, della pace, dell’illuminazione interna, seduto in meditazione sotto l’albero della Bodhi (in natura è un albero della famiglia dei Ficus).

Questo albero si trova all’interno di un complesso aperto al pubblico e gratuito (pagherete solo se volete portare strumenti come: macchine fotografiche e telecamere) proprio sotto al tempio buddista,: LO STUPA, più grande del mondo.

Sto parlando del Mahabodhi temple. Si dice che girarvi attorno sia di buon auspicio e allora, andateci e non rischiate! 😉 Non ho foto di questo posto, perché io normalmente uso il mio smartphone per fare le foto e (telefonini,smartphone,cellulari e tablet) sono vietati dentro al tempio!

Non disperate però! Fede ha portato la sua action camera e potrete vedere questo luogo di pace nel prossimo video!Ci sono monaci che pregano, cantano, recitano mantra; c’è un laghetto artificiale con una statua del Buddha seduto su un cobra, ci sono due serre piene di candele accese e persino un giardino per la meditazione!

Più pace di così? 😉

FB_IMG_1493544759543A proposito di meditazione!!! Noi volevamo a tutti costi fare un corso, qualcosa che ci aiutasse a capire meglio, qualcosa che potesse guidarci o darci una piccola introduzione a questo mondo; il problema è stato che, non essendo un posto turistico, i corsi ci sono, ANZI quasi tutti i templi e monasteri del posto (e cene sono una marea) ne organizzano diversi, era solamente il periodo sbagliato… Aprile è la fine della loro stagione turistica e di pellegrinaggio, le temperature iniziano ad essere proibitive e l’umidità è così fitta da sembrare di camminare perennemente dentro ad un bagno turco (il caldo era insopportabile) .

Non ci siamo persi d’animo, però, e siamo andati a chiedere un po’ in giro; alla fine abbiamo trovato un posticino che è riuscito ad avvicinarsi a quello che cercavamo: il ROOT INSTITUCTE.

Si tratta di un istituto che organizza corsi di meditazione e corsi di studio in tema buddista, ma anche in questo caso non c’erano corsi attivi (fine stagione anche per loro). Nonostante ciò ci hanno permesso di usare la loro biblioteca (fornitissima per imparare qualcosa sulla religione buddista) e le loro sale meditazione, dove abbiamo provato un po’ queste tecniche imparate sui libri! Io sono meno costante, ma Fede va alla grande e pratica ancora in questi giorni! Io mi annoio molto più facilmente! 😉 la costanza e la pazienza non sono proprio le mie virtù!

FB_IMG_1493544748960Di foto al Buddha gigante, invece ne ho anche d’avanzo:

 

ma che volete farci, me ne sono innamorata! Era lì: pacifico, gigante, calmo e immobile sotto al sole (se lo vedete muovere forse o avete meditato troppo o sono le controindicazioni del caldo soffocante 😉 ) e niente, lo guardi e ti senti (piccolissimo!) in pace con il mondo.

C’è un altro posto che non dovreste perdervi a Bodhgaya, noi purtroppo lo abbiamo saltato, perché necessita una piccola camminata per arrivare su un altopiano; non siamo stati troppo pigri (anzi, FB_IMG_1493544770115normalmente ci piace scarpinare) ma il caldo era INFERNALE e andare a camminare a quelle temperature sarebbe stato un bel modo per sentirsi male e concludere il viaggio in bellezza! Quindi, noi lo abbiamo saltato , ma voi non fatelo! Si tratta di Mahakala cave ed è la grotta dove il Buddha si ritirò prima di illuminarsi sotto l’albero di bodhi. Cercava l’illuminazione anche in questa grotta, ma non riuscì a raggiungerla. Nonostante ciò, questo posto è meta dei pellegrini perché, se l’impresa è così grande, anche il suo fallimento è da celebrare!

Dopo tutta questa pace siamo saliti nel caos di un treno infinito che, in quasi 20 ore, ci ha portato alla caotica New Delhi!

quasi 20 ore di treno non proprio first class!
quasi 20 ore di treno non proprio first class!

Abbiamo avuto solo due giorni qui e ce la siamo voluta prender DAVVERO COMODA! Ho portato Fede in un bel hotel in occasione del suo compleanno (avevamo anche l’aria condizionata che qui è il lusso per eccellenza! 😉 ) e non siamo schizzati in giro come trottole..anzi.

Ci siamo persi per le strade nei suoi infiniti bazar e l’unico monumento in cui siamo entrati è stato qualcosa di diverso…

Ovvio, siamo arrivati davanti alle mura del famoso Red Fort:

Red Fort, Delhi, India
Red Fort, Delhi, India

e visto di sfuggita la moschea Jama Masjid, che sono punti di forza di questa città, ma in quel momento sarebbe stato un forzatura a fare qualcosa che non avevamo voglia di fare. Abbiamo visto moschee e fortezze a palate in questi mesi e non voglio sottovalutare questi (ecco perché ve li ho citati) ma vi parlo in un tono strettamente personale, in quel momento volevamo qualcosa di diverso e SIAMO RIUSCITI A TROVARLO!

Tempio Jainista, Delhi, India
Tempio Jainista, Delhi, India

Siamo andati a visitare questo tempio Jainista (una corrente religiosa) che era diverso da tutto quello che avevamo visto sino a quel momento e , in più, all’ interno si trova un ospedale per volatili tenuto in piedi da volontari e dalle offerte di turisti e in maggioranza dagli appartenenti a questa religione! Siamo andati a dargli un occhiata e i pazienti sono tantissimi! Chi con ali rotte, chi con molto peggio, loro ovviamente cercano di rimetterli in sesto per poi liberarli nuovamente nel cielo!

Quando vedo questo tipo di organizzazioni mi viene un barlume di speranza… forse allora, non è tutto perduto! Se vi interessa si trova proprio davanti al Red Fort!

Un altro tempio che vi consiglio, ma che per mancanza di tempo non abbiamo visitato è il Lotus Temple è sicuramente qualcosa di diverso dagli altri templi, proprio perché sembra un fiore di loto! 😉

FB_IMG_1493544733046

Diciamo che Delhi per quel poco che ho visto è come se fosse un riassunto dell’India; ci sono i bazar, il traffico, il caos, i templi, le moschee, le fortezze, le zone ricche e curate e le zone dove la gente vive per strada. Ci sono zone piene di turisti e zone dove non se ne vede nemmeno uno, c’è lo street food, ma ci sono anche ristoranti di lusso. Insomma trovate tutto, ma non posso darvi un vero e proprio giudizio personale, due giorni non sono abbastanza per chi viaggia lentamente come noi!

Poi cosa è successo? Dovevamo tornare a casa, in principio ma, un mese fa, al momento di comprare un biglietto aereo, abbiamo riflettuto su quelli che erano i nostri progetti per il nostro rientro; in realtà certe cose che speravamo accadessero prima di partire, non sono successe e in ogni caso più si avvicinava la possibilità di farle, più ci sembravano meno appetibili! Valutando varie opzioni, sarebbe stato bello fare “un salto a casa” per salutare tutti e ripartire, ma ve l’ho già detto forse??? Non lo so, comunque anche se fosse, non è cambiato nulla: NON MI SONO ANCORA SVEGLIATA RICCA…UFFA!

IMG_20170427_060359

Ecco perché ci è sembrato (meno piacevole) ma più sensato, partire direttamente da Delhi a destinazione!

Perché l’Australia??? Ci sono molti motivi, ma ve li svelerò pian piano, di sicuro è una scelta ponderata, perché ci sentiamo un po’ come a casa e avevamo molte cose in sospeso qui!

Al momento siamo a Sidney, più precisamente a Bondi Beach e ci siamo arrivati con un volo ETERNO! (e pure costosetto!) Partenza con Ethiad da New Delhi e arrivo dopo 4 ore ad Abu Dhabi. Dopo aver dormito in aeroporto, causa scalo 11 ore,partenza per Sidney alle 11 del mattino per arrivare 13 ore dopo a Sidney…il problema è che, con il fuso orario, siamo partiti la mattina alle 11 e siamo arrivati la mattina alle 6 dopo solo 13 ore! Cioè il giorno era a metà e non ha fatto in tempo a finire che ne era già iniziato un altro! Dal 26 al 28 in giro tra aerei e aeroporti, MA SIAMO SOPRAVVISSUTI!

Opera House,Sydney, Australia
Opera House,Sydney, Australia

Siamo già in partenza per un posto diverso (qui in Australia), nessuna meta spettacolare…c’è altro che bolle in pentola sta volta. Piano piano vi racconterò tutto! Per il momento vi lascio e sono pronta per lasciare Sidney ( volevo precisare che per chi mi avesse tirato accidenti per aver saltato un po’ di inverno italiano,adesso qua sta giusto giusto iniziando l’inverno e me lo beccherò tutto di sicuro visto che il nostro visto scadrà a fine luglio; probabilmente il karma sta facendo il suo lavoro! 😉 )

Harbour bridge,Sydney,Australia
Harbour bridge,Sydney,Australia

Ho ancora qualcosina da dirvi sull’India, non è ancora finita qui! Quindi: ALLA PROSSIMA PUNTATA AMICI! Dorothy è pronta per una nuova avventura, contenta di aver cambiato scenario e di ritrovarsi in un posto in cui la natura trionfa! (ho appena fatto gentilmente uscire, dopo un po’ di discussioni, uno dei classici animali che in Australia si trovano un po’ ovunque: un canguro??? No, magari averlo in stanza! Sto parlando di quei carinissimi scarafaggi grandi 5 centimetri o più, che sembrano amare l’Australia almeno quanto me! 😉 )

A presto viaggiatori! (ciao anche dallo scarafaggio, la prossima volta vi mando un selfie!)

32 pensieri su “Bodhgaya e Delhi: le ultime tappe di questa India!Nuovi orizzonti…

  1. Ti aspettavoooo! Sono giorni che ho voglia di leggerti e sapere sapere sapere!!! Com’è finita con L’India…come è iniziata con l’Australia (dopo aver scoperto che siete effettivamente in Australia)!!! Insomma mi mancavi tu e mi mancava Dorothy 😉! E ora rimango in attesa di sapere cosa bolle in pentola…come dici tu! E sono contenta di sentirti così felice di essere tornata down under ❤️😘

    1. Grazie Lucy, tu sei la mia lettrice in prima linea! TI ADORO! 🙂 siamo contenti del cambiamento, ci voleva, SOPRATTUTTO a noi che siamo nomadi dentro! 😉 in ogni caso sono ancora un po’ incasinata con internet…ma mi sto sforzando per trovare la soluzione giusta per mantenere i contatti col mondo! 😉 grazie cara! Il tuo commento mi ha messo il sorriso! 🙂

  2. Mamma quante cosine stupende in un solo post! Mi hai portato indietro con i ricordi (e con la cartina geografica!!) Dal caos infernale di Deli (yessss, confermo: l’aria condizionata e’ un lusso e quando ce l’hai ti attacchi alla bocchetta manco fosse la fonte sacra di vita eterna) alle spiagge di Bondi. Da Mama India a Down Under… posso dire che un po’ sto a rosica’? Goditi e respira ogni minima sfumatura. E continua a farci sognare con i tuoi post e i tuoi consigli!! 🙂

    1. Grande! Ahahahah! L aria condizionata come i ricchi! 😉 siamo stracontenti di aver proseguito il viaggio e di aver trovato il modo per farlo proseguire senza intoppi!adesso ci fermeremo, ma solo per un po… siamo nomadi inside! Ehehehe! Grazie mille per essere passata di qua! Un abbraccio!

  3. Una sola parola WOW!!!!
    Un anno fa ero in Australia per un mese in viaggio di nozze ed ho amato tutto di quel paese dove tornerei anche subito!
    Quindi godetevi l’Australia.. . Invidia a 1000 ma ti seguo con estremo piacere!

    1. Amo l Australia! Credo sia impossibile non amarla e tu che ci sei stata me lo puoi confermare! Natura, animali, bella gente, belle città..c’è-un po di tutto.! 😉 vi tengo aggiornate appena mi organizzo un po meglio! 😉 un abbraccio! 🙂

  4. Oddio ma che avventura incredibile!!!! Mi sembra così incredibile questo post.. complimenti davvero!
    L’India non la conosco… ho sempre sognato di andarci e il tuo post mi fa venire una voglia matta di partire!
    Ora invece sei a Sidney. Li ci sono stata e ho lasciato il cuore. Fa niente se viene inverno! Per me è bella da morire in ogni stagione!

    1. Hai ragione, non importa! Questo posti è bello in qualsiasi momento dell anno! La gente, la natura, le city…tutto! Freddo? Fa niente, vale la pena stare qua e coprirsi! 😉 grazie mille per essere Passata e per le belle parole! 🙂 vediamo cosa ci aspetta prossimamente e vi tengo aggiornati! 🙂

  5. Dopo la caotica India siete approdati nella più tranquilla Australia che mi attira molto di più ma è così lontana 🙁 Mi aspettavo che andaste in un altro paese asiatico ed invece avete proprio cambiato continente!

    1. Eh gia, urgeva il cambiamento! 😉 ma anche perché siamo in una situazione di comodita che ci serviva e siamo arrivati qua a colpo sicuro visto che ormai ci sentiamo quasi un po’ a casa qui! 😉 a te che a quanto ho capito ami la natura come meva, qua ti piacerebbe da impazzire! 🙂 è lontana, è vero, ma credimi ne vale la pene! Grazie per essere passata! Presto vi aggiornerò !

  6. Seguo regolarmente questo racconto del tuo viaggio in India con molta curiosità e sinceramente un po’ di invidia. L’India è da sempre nei miei progetti, ma non ho ancora trovato il tempo per andarci. Ma il tuo racconto di oggi, i posti dell’illuminazione del Buddha…sento che mi chiamano più di ogni altra cosa. Mi sa che è arrivato il tempo per programmare il mio viaggio.

    1. Daiiiii! Forza! Spero di vedere presto un commento dove mi scriverai che hai prenotato il volo! 🙂 io ti dico vai e cerca di non aspettarti nulla, ma di accogliere quello che viene…ognuno ha la sua visione di questo posto…ognuno lo legge a modo suo! C’è chi te lo descrive come il peggior posto dove andare e chi ti dice solo cose belle sull’india e gli indiani e GUAI A COTRADDIRLO! 😉 per ME è stata una montagna russa: alle volte l’ho odiata con tutta me stessa, altre volte mi ha sorpresa con la sua infinita bellezza tanto da farmela amare…era un tira e molla! 😉 per mE è DA VEDERE! Quindi siiiii! Vaiiii 😉 grazie PER LA VISITA! un bacione!

    1. Io te la consiglio, MA SOLO SE HAI GIA VISTO UN PO DI ASIA. Ti spiego: andarci come primo posto senza mai essere stato in asia probabilmente potrebbe risultare troppo da digerire! 😉 poi ovvio che tutto è anche relativo al tipo di viaggio che uno fa! Siamo stati 10 giorni a Varkala nel sud dell india e non c’è assolutamente nessuno SHOCK culturale, si sta solamente benissimo! 😉 ma muovendosi un po in lungo in largo…ci sono tante cose che possono essere un po pesanti e per me lo sono state,nonostante non fossi nuova in oriente! C’e tanto da vedere, da fare e da assorbire…è un paese ricco e per me vale la pena viverlo almeno una volta nella vita! Grazie per essere passati! 😉

  7. Mamma mia, voi due siete matti! Io non riuscirei a stare così tanto tempo lontana da casa mia, e poi decidere di saltare dall’India all’Australia così su due piedi… pazzi, pazzissimi, ma siete una forza 😉 godetevi questo bel viaggio(ne) fino in fondo!

    1. Grazie Anna! Ahahahah! Siamo un po’ matti in effetti! 😉 ma non,siamo nuovi a viaggi lunghi, il più lungo è durato circa un anno e mezzo! Ovviamente poi ci si ferma sempre da qualche parte quando si viaggia per tanto tempo perché sfortunatamente non ho ancora trovato una valigia piena di soldi sotto al mio letto… chissà perché??? Sarebbe cosi bello! 😉 e dunque magari si viaggia e poi ci si ferma per trovare lavoro ecc. Ogni giorno è una scoperta, una battaglia e ogni cosa va conquistata…diciamo che è raro cadere nella routine! E questo a noi ci piace parecchio! 😉 spero di aggiornarvi al piu presto! Grazie per essere passata!

  8. In bocca al lupo per la tua prossima avventura! Ti seguirò sicuramente 🙂
    Comunque siete due forze, dall’India all’Australia in un battibaleno deve essere un shock culturale notevole 😀

    1. Ahahahah!ALLA FACCIA DELLO SHOCK! siamo passati da temperature da forno non ventilato a un bell’inizio inverno! Brrr! 😉 e da un posto senza regole governato dal caos, ad uno che è praticamente il suo opposto! Ma a dirla tutta ci stava IL cambiamento dopo quasi tre mesi… ne sentivamo proprio il bisogno! ( a parte del freddo, di quello ne facevo volentieri a meno! 😉 ) grazie per la visita! Sei stata carinissima!

  9. Mamma mia la vostra è proprio un’avventura pazzesca!
    Non mi stancherò mai di dirlo ma è proprio un piacere leggere i vostri articoli, perché trasmettono tante emozioni vere 😉

    1. Grazie camilla! 🙂 mi spiace essere un po’ indietro con la pubblicazione ma sto cercando di organizzarmi! 😉 comunque è una vera e propria avventura, prendiamo quel che il mondo ga da offrirci al momento e dicimo che per adesso ne siamo proprio contenti! 😉 vedremo cosa co aspetta! 😉 grazie per essere passata! 😉

  10. Che entusiasmo mi trasmetti con i tuoi racconti, troppo bello! L’India mi affascina ma non ne so quasi niente, per questo quando leggo le tue tappe mi fa sempre molto piacere. Invece non so come mai ma l’Australia non mi ha mai ispirato particolarmente. O meglio, sembra un bel posto in cui vivere ma non mi interessa molto dal punto di vista turistico. Sono curiosa sui prossimi progetti 🙂

    1. Grazie Sara! Allora: per l’Australia dipende cosa ti ispira quando viaggi! Se sei più per natura e wildlife, l ‘Australia è perfetta! Se invece ricerchi più la storia di un luogo, beh qua non c’è molto visto che è un paese relativamente giovane! Anche se la storia e le leggende aborigene sono qualcosa di speciale! 😉 detto ciò, al contrario l’India è piena di informazioni che ti vengono rovesciate addosso ovunque tu vada! Leggende,storia, religione: c’è un pozzo di cose da imparare! 🙂 eheheh! Grazie per essere passata di qua! 😉

  11. Ciao belli!!!
    Vi seguo con curiosità e una bella sensazione di dolcezza…l’India non l’ho mai sentita come una necessità, ma poco importa la destinazione (ognuno ha la sua) quello che rimarrà per sempre è la libertà di viaggiare scoprendo, luoghi e noi stessi, con la mente aperta a lasciarsi coinvolgere, magari travolgere.
    Adoro questo spirito del vostro viaggio…state semplicemente VIVENDO!
    À presto :*

    1. Grazie Ester! L india era una parte di Asia che ci mancava..e direi anche la più FORTE tra quelle che abbiamo visto! È esattamente come dici tu, non conta dove si va, ma come ci si va! COn la voglia di scoprire e conoscere! Grazie per essere passata! Un abbraccio!

  12. Siete una forza della natura ragazzi! Non vedevo l’ora di scoprire tutto sulla parte finale del vostro viaggio. Amo il fatto che non abbiate perso colpi, affrontando visite e godendovi ogni attimo, fino alla fine. Così come vi dico che avete fatto bene a rallentare i ritmi una volta a Delhi.
    Che viaggio, che avventure e momenti di vita stupendi, sono curiosa come una scimmia, non vedo l’ora di sapere cosa vi ha portati fino in Australia. E, ovviamente, di vedere l’ultimo video.
    Mi raccomando Sere, dicci qualcosa al più presto, voglio sapere tutto!!!!!!
    Bacioni,
    Claudia B.

    1. Meglio tardi che mai eccomi!! 🙂 grazie Cla leggete i tuoi commenti mi mette srmpre il buon umore! 😉 mi dispiace no essere amcora riuscita a pubblicare i nuovi post in programma, ma ho giustamente dato qualche update su faccia libro 🙂 😉 in ogni caso, mi sto organizzando! Ce la devo fare! 😉 è stato un cambio climaticoe culturale esagerato: dal caldo torrido al freddo del quasi inverno..dal caos e la sporcizia e il delirio, all ordine la pulizia e le regole! Ci stava cambiare…peccato per il freddo 🙂 eheheh! Spero di riuscire al piu presto con il nuovo articolo! 😉 un bacione canguroso!!!

  13. Questo non è un viaggio, bensì una vera avventura! Tra il caldo insopportabile, i lunghi viaggi in treno, gli scenari indiani, i templi, i monaci buddhisti e le decisioni prese in corsa stai vivendo un’avventura meravigliosa.
    Buona continuazione 🙂

  14. Che avventura bellissima che state vivendo ragazzi! 🙂 Comunque sì, anch’io come le altre sono curiosissima di sapere cosa vi ha portato in Australia e cosa bolle in pentola! 🙂

  15. Ciao Serena, emozioni, brividi e pelle d’oca…ho letto tutti d’un fiato gli ultimi tre post. E’ stato un periodo un po’ così per me ma ti ho seguita su instagram (eh con facebook non vado proprio d’accordo) scoprendo della meravigliosa Australia ♥ un pezzetto del mio cuore è rimasto lì. Ma andiamo con ordine…il post di Varanasi è stato il più bello di tutti, più di tutti gli altri si sentivano le tue emozioni e i tuoi pensieri. Davvero da brividi. Io vi ammiro perché avete intrapreso un viaggio bellissimo ma difficile…tutti gli aspetti “negativi” che hai raccontato dell’India sono proprio quello che mi hanno sempre tenuta lontana dal mondo asiatico. Ma non perché io sia abituata a viaggiare comoda, anzi tutt’altro, ma perché non so quanto riuscirei a farmi scivolare le cose addosso. Quindi bravi ragazzi e grazie per avermi fatto scoprire un pezzo di mondo meraviglioso. Ora però “un passo alla volta vi spiegherò tutto” …ecco quando esattamente?!?! Io sono curiosa come una scimmia, talmente curiosa che tasto i regali di Natale però sperando di non capire per non rovinarmi la sorpresa…vabeh sono mentalmente instabile!!! Un abbraccio!!!

    1. Ahahah! Grazie Carmen! Intanto per aver letto tutti i post <3 e poi per le tue parole, sei sempre carinissima! Dunque,mi sto giusto giusto organizzando per nuovi racconti, piano piano arriverò con tutte le novità del caso! 😉 mi spiace per il tuo periodo "un po' così" ma tieni duro, qualsiasi cosa sia! VARANASI è un posto speciale...ecco perche è piu facile parlarne, con il bello e il brutto, ma non può lasciare indifferenti... e poi la magia è davvero piu forte delle varie scocciature... ma... non ho i prosciutti sugli occhi e in effetti sono sincera, come sempre, e la difficoltà nel digerire tante cose di questo paese, per me c'è stata. E non parlo della scomodità,a quella ormai sono abituata, si parla (come dicevi tu) di differenze culturali ENORMI! Ho colto il bello che volevo prendere per me, ma su tante cose non sono riuscita a passarci sopra...sono felice di aver visto tutto quello che ho visto, perché ora SO, ORA SONO UN PO' PIU CONSAPEVOLE..non solo di quello che mi circonda, ma anche di me stessa! 😉 grazie per avermi dedicato il tuo tempo! Arriverò presto con un po' di novita!:-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *